A chiusura del primo semestre dell’anno, sabato 17 giugno il Club Enogastronomico Viterbese ha riunito i Soci per un evento culturale di particolare importanza, grazie alla disponibilità della propria associata Barbara De Dominicis, titolare del laboratorio di restauro “Tessili Antichi. Presso tale laboratorio si trovano, per un lavoro di restauro conservativo, tre arazzi fiamminghi del ‘600 di proprietà della Martini & Rossi (oggi Bacardi) che il signor Martini acquistò agli inizi del passato secolo per gli uffici della società di Torino. Gli arazzi di grandi dimensioni riproducono tre scene di caccia e la dott.ssa De Dominicis, con dovizia di particolari, ha spiegato ai presenti la composizione dell’arazzeria, dei metodi di conservazione e di restauro rispondendo alle numerose domande e curiosità dei Soci. Un pomeriggio di particolate interesse culturale condotto con perizia e competenza a cui ha fatto seguito una visita guidata del monastero di S. Rosa, in cui ha sede il laboratorio di restauro. Al termine non poteva mancare la conviviale sul Martini che si è svolta nel ristorante, nel centro di Viterbo, “Il Giardino del Papero”. Un locale caratteristico per la sua ubicazione il quale però lascia molto a desiderare per la gestione poco professionale del titolare che ha lasciato uno sgradito ricordo al nostro Club.