Geom. Fedele “Nino” Margaroli (Borgomanero 15.5.1925 – Borgomanero 23.04.2017)

Note biografiche

Non si può scrivere una biografia del Geom. Fedele “Nino” Margaroli senza farla precedere da una breve introduzione riguardante la famiglia Margaroli. I nonni del Geom. Fedele “Nino” Margaroli, Fedele Margaroli e Luigia Casarotti, provenienti da Soriso, località ai tempi conosciuta come “il paese dei calzolai”, il 10 novembre 1900 aprirono a Borgomanero una bottega di calzolaio, giunteria tomaie e rivendita cuoio al numero 21 della centrale via Monsignor Felice Piana . Sedici anni più tardi i coniugi Margaroli trasferivano la loro attività artigianale e commerciale in corso Garibaldi. Il 20 agosto 1924 segna la data di nascita della ditta del “cav. uff. Luigi Margaroli”, il primogenito di Fedele e Luigia, nato anch’egli a Soriso il 12 febbraio 1900. Altre due date indicano lo sviluppo della nuova azienda: 1927, trasferimento del negozio dalla primitiva sede di corso Roma a quella di corso Garibaldi; 1946, trasformazione della ditta da dettagliante a grossista di cuoio e pellami con l’intervento dei figli del cav.uff.Luigi Margaroli, il geometra Fedele “Nino” e il ragionier Celeste, detto “Nito”(scomparso tragicamente il 31 dicembre 1974).

Luigi Margaroli fu anche presidente della locale Associazione Commercianti e del Comitato della Festa dell’Uva e agli inizi degli anni ’60 ricoprì la carica di Vice Sindaco nella Giunta presieduta dal Sindaco avvocato Gianni Colombo e di presidente del Lascito Tornielli.

Sin qui la storia della “Famiglia Margaroli”. Ma veniamo ora a parlare del Geometra Fedele “Nino Margaroli”.

Nato a Borgomanero il 15 maggio 1925, in gioventù aveva praticato diversi sport tra cui la pallacanestro, l’atletica leggera ed il calcio. Diplomato geometra a pieni voti al “Mossotti” a Novara iniziò a collaborare nella amministrazione dell’azienda di famiglia, azienda che dopo la scomparsa del fratello “Nito”, con la denominazione “Cuoiopelli” continuò a dirigere sino a qualche anno fa quando passò il testimone al figlio Pierluigi. Assieme alla moglie Maria Vittoria è stato per lunghi anni titolare anche di un negozio di articoli sportivi in corso Garibaldi. Nel maggio 1945 quando dopo la fine della guerra venne ricostituita la locale società calcistica (allora si chiamava Unione Sportiva Borgomanero) assunse la carica di cassiere. Sei anni dopo, nel 1951 quando nacque l’A.C. Borgomanero ne divenne Segretario, carica che mantenne ininterrottamente sino al 1984 quando assunse la Presidenza, carica che ricoprì sino al 1992. Nel 1975 la Federazione Italiana Giuoco Calcio (Figc) gli conferì la medaglia d’oro al merito sportivo. Fu tra i fondatori della locale sezione dell’UNVS (Unione Nazionale Veterani dello Sport) intitolata alla memoria del papà Luigi. Nel 2003 fu uno dei “padri fondatori” dell’Antica Cunsurtarija dal Tapulon di cui è stato presidente dalla fondazione sino alla sua scomparsa avvenuta a Borgomanero il 23 aprile 2017. Aveva fatto anche parte del Consiglio direttivo dell’Associazione Commercianti ed aveva ricoperto per lungo tempo il delicato ruolo di “Commissario di Vigilanza” della locale succursale della Banca Popolare di Novara. Personaggio d’altri tempi, onesto, profondamente legato alle tradizioni e alla cultura della sua città, nel 1997 venne proclamato “Borgomanerese dell’anno” con la seguente motivazione “Se è vero che lo sport è scuola di vita, Nino Margaroli di questa scuola è stato un grande Maestro”.