Il Nuovo Anno è iniziato con le proposte e le riflessioni che accompagneranno i prossimi mesi: il 2019 viene indicato come decisivo per il futuro del cibo. Secondo la rivista National Geographic la lotta allo spreco, l’attenzione alla preparazione e alla reperibilità del cibo fresco saranno tra i temi centrali. La verdura e la frutta, non più solo contorni ma anche ingredienti caratterizzanti ricette e piatti, susciteranno un sempre maggiore interesse, legato anche alle scelte vegetariane o vegane. Crescerà l’offerta di prodotti bio e i rivenditori daranno sempre più spazio, attenzione e varietà di scelte nel reparto frutta e verdura.

Il Club Enogastronomico, che ha per statuto l’attenzione ai prodotti e alle risorse locali, ha iniziato il 2019 con un pranzo che ha permesso di approfondire la conoscenza e gustare al meglio una delle tipicità del viterbese: la nocciola di Caprarola.

Per conoscere questo splendido prodotto della natura ci siamo incontrati, domenica 27 gennaio, al ristorante “L’Antica Cantina” a Caprarola ospiti negli spazi ricavati dal suggestivo restauro degli ambienti nati per l’ammollo delle castagne e successivamente trasformati in cantine vinicole. La cucina è gestita da Aurora e Graziella Bruziches, che orgogliosamente non vogliono essere chiamate chef, per sottolineare che nella scelta e preparazione dei piatti mettono la cura della tradizione gastronomica e l’amore per la cucina familiare.

Il tema è stato trattato da Pompeo Mascagna, presidente dell’Assofrutti  (Associazione Produttori-frutta in guscio), che partendo dalla storia e dal ruolo economico della coltivazione delle nocciole nel nostro territorio ne ha illustrato le caratteristiche botaniche e nutrizionali.

È seguita la conviviale in cui la nocciola è stata la grande protagonista.